Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
  » I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  I fatti della vita
Stampa

Radio e video sul web, anche per l’editoria tira aria di ripresa. Il fatturato del settore a 15,3 miliardi non scende più. Politecnico di Milano: il 2016 sarà il primo anno di crescita.

di JAIME D’ALESSANDRO/repubblica

ROMA, 8 giugno 2016.  Il mercato dei media in Italia regge. Nel 2015, dopo anni di declino, chiude in sostanziale parità rispetto al 2014. Stando al Politecnico di Milano, che oggi presenta la sua indagine condotta dall’Osservatorio Internet Media, si arriva a 15,3 miliardi di euro. Ma fra giornali, tv, servizi streaming, radio, app e siti web che propongono contenuti pagamento o vivono di introiti pubblicitari, le zone di luce e di ombra si alternano per effetto di dinamiche di segno opposto tra i diversi mezzi di comunicazione e distribuzione. Dalla pubblicità arrivano nel complesso 7,5 miliardi di euro, erano 7,2 nel 2014, e per quanto siamo ancora lontani dalle vette del 2008 quando si erano toccati i 9,2 miliardi, la crescita delle ultime due stagioni è sensibile. Nei contenuti a pagamento la musica cambia: si passa da 8,1 miliardi a 7,9, continuando con il calo ininterrotto dal 2008 e dal suo giro di affari di 9,2 miliardi.


Ma al Politecnico di Milano propendono per l’ottimismo: «Per il 2016 ci aspettiamo una crescita di qualche punto», spiega Marta Valsecchi, condirettrice dell’Osservatorio con Andrea Lamperti. Guardando in dettaglio i vari settori, la stampa fa registrare una flessione di cinque punti percentuali. Un calo valido sia per quanto riguarda la componente a pagamento sia per quella pubblicitaria, malgrado la crescita di quella online. Ha ancora in mano il 39 per cento della torta delle inserzioni, mentre la Tv è al 59 per cento. Con la differenza che quest’ultima tiene e chiude in pareggio, bilanciando il calo dei ricavi della pay tv con l’aumento della pubblicità. La radio al contrario fa un bel salto in avanti: più 9 per cento.




Bene anche tutti i media digitali, che registrano un balzo di undici punti. Qui la parte legata alla pubblicità è quella maggiore, 2,1 miliardi di euro che diventeranno 2,3 nel 2016. Il 40 per cento viene dai classici annunci sulle pagine web che totalizzano un più 12 per cento rispetto al 2014. Evidentemente i software “ad blocking”, che oscurano gli annunci quando si naviga, da noi non sono così diffusi come altrove. Basti pensare che in Asia, secondo il New York Times, già il 36 per cento delle persone li usa quando aprono un browser da smartphone. Comscore calcola che in Italia siamo attorno al 13 per cento, ben lontano dal 27 per cento della Francia e il 24 della Germania. La pubblicità sui motori di ricerca, raccoglie il 33 per cento dei ricavi sul Web e cresce di cinque punti. Poi ci sono i video con il 17 per cento e un aumento di ben 26 punti. Un’impennata simile a quella dei social network e i due fenomeni in parte si intersecano. «Molta della crescita video nel 2016 è infatti legata a Facebook », sottolinea la Valsecchi. Cala invece la pubblicità di un punto nelle mail promozionali e nelle newsletter che nel complesso hanno l’8 per cento della torta.  L’altro grande salto in avanti viene dallo streaming e dai contenuti a pagamento sul web. Da Spotify a Netflix, fino alle copie digitali dei quotidiani, la raccolta con gli abbonamenti è di “appena” 112 milioni di euro, ma con un più 24 per cento rispetto allo scorso anno. La musica cresce dell’87 per cento, film e serie tv del 27. Spotify, Apple Music, Deazer, Tidal, Google Play e gli altri servizi simili, contano su 25 milioni di euro. Nel 2016 potrebbero crescere ancora, bisognerà però vedere di quanto. La televisione in streaming, che comprende fra gli altri Sky Online, Tim Vision, Infinity di Mediaset e Netflix, vale il doppio della musica, 50 milioni. Mentre i giornali su abbonamento digitale raccolgono circa 35 milioni di euro, l’uno per cento del mercato delle news a pagamento. «Se guardiamo all’intrattenimento, le cose stanno andando bene», spiega Guido Argeri, a capo della divisione telco e media di Doxa. «La tv tradizionale vien vista ancora del 70 per cento degli italiani, quella in streaming ormai è fruita dal 46 per cento di chi accede alla Rete, che in totale sono 25 milioni di individui. E fra questi, 3,2 milioni hanno sottoscritto un abbonamento a servizi come Netflix». Con una parte consistente che usufruisce del periodo di prova o condivide l’abbonamento. Nel nostro Paese si va quindi verso una convivenza fra vecchia e nuova tv, anche se la prima è stabile e la seconda cresce a doppia cifra. «Un altro elemento molto forte è l’aumento del consumo di video brevi, cominciando da YouTube», prosegue Argeri. «Tocca l’80 per cento di chi accede al Web e nove millennials su dieci, ovvero coloro che sono fra i 16 ai 34 anni». E sono sempre i video brevi che portano le persone a passare più tempo sui siti dei quotidiani così come sui social network. Di fatto, assieme alla pubblicità online, l’altro settore che cresce a vista d’occhio sui giornali italiani.





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com