Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
  » Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Editoria-Web
Stampa

Il 22 approda in aula alla Camera la proposta di legge sul nuovo fondo unico per l'editoria. Il testo delega il governo alla razionalizzazione del Consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti, relativamente alle competenze in materia di formazione, al procedimento disciplinare, alla riduzione del numero dei componenti fino ad un massimo di 36; alla ridefinizione, nella direzione di un progressivo allineamento con la disciplina generale, dei requisiti di anzianità per il ricorso agli ammortizzatori sociali e ai prepensionamenti per i giornalisti; alla revisione della procedura per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editoriali ai fini dell'accesso ai prepensionamenti. Gli stanziamenti per i prepensionamenti entrano a far parte del fondo.

di Michele Cassano/ANSA

ROMA, 20 febbraio 2016.- Approda in aula alla Camera la proposta di legge sul nuovo fondo unico per l'editoria approvata in Commissione Cultura con l'opposizione del Movimento 5 Stelle che, almeno in un primo momento, puntava all'abolizione degli stanziamenti. "Il clima è comunque positivo - dice il relatore del provvedimento, Roberto Rampi del Pd -. M5S non ha presentato emendamenti ostruzionistici e abbiamo accettato modifiche, anche importanti, proposte da Sel e Forza Italia". Ci sono però voci contrarie anche fuori dal Parlamento. Confindustria Radio Tv, ad esempio, si è scagliata contro il contributo di solidarietà da parte delle aziende. La normativa rivede le fonti di finanziamento e la platea dei beneficiari, escludendo i giornali di partito e includendo le emittenti locali. Il testo delega, inoltre, il governo a ridefinire la disciplina del sostegno pubblico all'editoria,  oltre a quella sui prepensionamenti dei giornalisti e al Consiglio dell'Ordine dei giornalisti e a innovare il sistema distributivo nell'ottica di una maggiore liberalizzazione. "InCommissione - ricorda Rampi - abbiamo approvato modifiche importanti, tra cui quella che impedisce ai giornalisti prepensionati di collaborare con la loro testata, abbiamo rafforzato le deleghe al governo per garantire una maggior tutela dei lavoratori e previsto meccanismi per sostenere la trasformazione della distribuzione". L'ammontare del fondo è stimato intorno agli 80 milioni, ma la Commissione Bilancio ha chiesto di effettuare alcune verifiche. Il termine per gli emendamenti è fissato per lunedì, nel pomeriggio inizierà la discussione generale e in settimana è atteso il via libera.  I FINANZIAMENTI - Ad alimentare il fondo saranno non solo le risorse statali destinate al sostegno dell'editoria quotidiana e periodica, ma anche quelle per le emittenti locali. In più ci sarà una quota delle eventuali maggiori entrate derivanti dal canone Rai (fino a 100 milioni di euro annui) e le somme derivanti dalle multe per le violazioni in materia di programmazione e pubblicità. Introdotto anche un contributo di solidarietà: i concessionari di pubblicità su tv e stampa dovranno versare lo 0,1% del reddito complessivo annuo.


LA RIPARTIZIONE - Il fondo è ripartito annualmente tra la presidenza del Consiglio e il ministero dello Sviluppo Economico. Potranno accedere al fondo le cooperative giornalistiche e gli enti senza fini di lucro; sono, invece,esclusi gli organi di partiti o movimenti politici e sindacali. Ulteriori requisiti riguardano il regolare adempimento degli obblighi derivanti dai contratti di lavoro e l'edizione della testata in formato digitale (eventualmente anche in parallelo con l'edizione in formato cartaceo). Su questo punto c'è una delega al governo a ridefinire la disciplina dei contributi diretti e a incentivare gli investimenti. Tra i criteri direttivi c'è un tetto massimo al contributo per ciascuna impresa, la graduazione in base al numero di copie annue vendute e utenti unici raggiunti, oltre che premi per l'assunzione a tempo indeterminato degli under 35.


ORDINE GIORNALISTI E PREPENSIONAMENTI - Il testo delega il governo alla razionalizzazione del Consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti, relativamente alle competenze in materia di formazione, al procedimento disciplinare, alla riduzione del numero dei componenti fino ad un massimo di 36; alla ridefinizione, nella direzione di un progressivo allineamento con la disciplina generale, dei requisiti di anzianità per il ricorso agli ammortizzatori sociali e ai prepensionamenti per i giornalisti; alla revisione della procedura per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editoriali ai fini dell'accesso ai prepensionamenti. Gli stanziamenti per i prepensionamenti entrano a far parte del fondo.


 


 


 


 


 


 


 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com