Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
  » Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Editoria-Web
Stampa

Il Sole 24 Ore a 364mila copie consolida il primato digitale. Per le edizioni 2.0 crescita del 13,9% su base annua. Guardando al fronte delle diffusioni complessive, il quotidiano del Gruppo 24 Ore si è confermato anche ad agosto 2015 per il dodicesimo mese consecutivo, secondo quotidiano nazionale con 364.779 copie medie alle spalle del Corriere della Sera (374.402) e prima di Repubblica (352.460).

di Andrea Biondi
Il Sole 24 Ore 8.10.2015

Rispetto a luglio, il mese di agosto ha fatto registrare un aumento delle diffusioni complessive nel panorama dei quotidiani italiani. E si parla anche di un 4,7% in più. Ma rispetto all’anno precedente ci sono quasi 300mila copie perse per strada. E così dai circa 4,5 milioni di copie diffuse giornalmente nel mese di agosto 2014 (considerando nel conto complessivo le copie cartacee e quelle digitali) si è scesi a meno di 4,2 milioni, con 501mila copie che arrivano proprio dalle copie digitali.


Insomma, i dati sulle diffusioni dei quotidiani, rilasciati come ogni mese da Ads, evidenziano con sufficiente chiarezza come l’editoria quotidiana continui a mostrare la corda, avvitata in una situazione di conti appesantiti da una pubblicità che prosegue nel non dare segnali di ripresa. Nei primi otto mesi dell’anno, stando ai dati dell’Osservatorio Fcp (le concessionarie di pubblicità), la raccolta sui quotidiani è scesa del 7,5% in valore (a 430 milioni di euro) pur a fronte di una stazionarietà negli spazi. Anche le copie digitali - la riproduzione tal quale del quotidiano in edicola, seppure con alcuni arricchimenti - che hanno rappresentato un propellente per la crescita delle diffusioni, da qualche mese presentano un trend non più così ascendente. E infatti ad agosto le 501.855 copie erano l’1,8% in meno rispetto a luglio (ma questo può non voler dire granché fra un mese e l’altro), ma anche l’1% in meno rispetto alle 506.870 copie di agosto 2014.


Questa dunque la situazione generale in cui non va trascurato che le copie digitali vengono vendute a sconto del 70% sul prezzo medio di copertina se copie digitali singole o multiple o del 50% se in abbinata con l’edizione cartacea. Numeri che fanno intendere la necessità di ben altri numeri nelle edizioni «2.0» per vedere impatti sui conti economici delle aziende editoriali.


In questo quadro i tre maggiori editori italiani stanno continuando a trainare il gruppo, seppure con andamenti differenti. Guardando al fronte delle diffusioni complessive, il quotidiano del Gruppo 24 Ore si è confermato anche ad agosto 2015 per il dodicesimo mese consecutivo, secondo quotidiano nazionale con 364.779 copie medie - alle spalle del Corriere della Sera (374.402; -9% rispetto ad agosto 2014) e prima di Repubblica (352.460; -9,7% rispetto ad agosto 2014) - pari a +0,6% rispetto ad agosto 2014, mese che segnava una crescita a doppia cifra su agosto 2013. E facendo un confronto con l’inizio delle nuove rilevazioni, comprensive anche delle copie digitali, a gennaio 2013, per Il Sole 24 Ore si parla di un incremento del 29,6 per cento.


Quanto alle sole copie digitali, Il Sole 24 Ore continua invece a distanziare sia il Corriere della Sera sia La Repubblica. Ad agosto il quotidiano diretto da Roberto Napoletano ha infatti raggiunto quota 218.588, in crescita dell’1,4% mensile e del 13,9% rispetto ad agosto 2014. Segue il quotidiano di Rcs, distanziato di gran lunga a quota 67.303, che fra un mese e l’altro ha accusato un calo del 15,4%, tradotto su base annua in un -11,4 per cento. La Repubblica è sul terzo gradino del podio con 57.264 copie, sostanzialmente stabili rispetto a luglio e in calo del 6,7% su base annua. Sul fronte digitale Il Sole 24 Ore è primo anche nelle copie digitali singole con 68.288 (+21,6% su agosto 2014): un primato che mantiene da sette mesi consecutivi.


La strategia multimediale sostenuta dal direttore editoriale del Gruppo 24 Ore Roberto Napoletano sta insomma dando i suoi frutti. «Registriamo costanti conferme positive dal mercato rispetto alla nostra strategia digitale. Il successo del sistema multimediale del Sole 24 Ore - spiega Napoletano - è il risultato del grande lavoro di innovazione di contenuti avviato tre anni fa e che nel 2015 ha visto il sorpasso dei ricavi digitali da contenuto sui ricavi da contenuto in versione cartacea». Il sistema multimediale del Sole 24 Ore è articolato in 11 quotidiani digitali specializzati su Lavoro, Fisco, Diritto, Enti Locali e Pa, Finanza, Condominio, Scuola, Edilizia, Sanità, un quotidiano digitale in inglese, il sito a pagamento e servizi come “Buongiorno dal tuo amico Sole” che offre dalle 6 del mattino scenari, insider e analisi sulle Borse in America e in Asia e una selezione di esclusive e di migliori articoli internazionali sul mondo. C’è poi “Il Giornale di domani” che presenta l’anteprima dell’edizione del giorno successivo attraverso una selezione di commenti e news. A questi si aggiungono le banche dati “Plus Plus 24 Fisco” per i commercialisti, “Plus Plus 24 Lavoro” per i consulenti del lavoro e la nuovissima “Plus Plus 24 Diritto” diretta agli avvocati, al via in questi giorni.


Oltre ai dati Ads ci sono da registrare anche quelli de IlSole24ore.com, primo sito italiano a pagamento, che nelle sue versioni web e mobile vanta a settembre circa 34mila abbonamenti attivi.


 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com