Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
  » FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  FNSI-Giornalismo dipendente
Stampa

INPGI E INCREMENTO DELLE ENTRATE. OBIETTIVO REALISTICO E POSSIBILE. Le speranze legate al passaggio del personale degli Uffici Stampa dall'Inps all'Inpgi. E' un obbligo di legge. Da 3 a 4mila giornalisti attendono la regolarizzazione previdenziale. Nei primi sei mesi del 2015 recuperate le posizioni di 19 giornalisti utilizzati come comunicatori in grandi aziende private, banche, enti locali e multinazionali. Coinvolti grandi nomi come Fiat Chrysler, Mercedes, Porsche e Volkswagen. In questo caso i contributi versati dalle aziende non editoriali vengono subito direttamente travasati dall'INPS all'INPGI/1 senza interessi, né sanzioni, nè vertenze legali. I giornalisti occupati come addetti stampa si facciano parte attiva: chiedano il passaggio all'Inpgi. Non corrono alcun rischio e le loro aziende spendono qualcosa in meno come oneri sociali. L'Istituto ha appena 18 ispettori (15 dislocati a Roma e 3 a Milano). Sindacati e Ordini regionali si sveglino e facciano una campagna informativa efficace e capillare.

di Francesco M. De Bonis

Roma,24 luglio 2015. Con l'articolo 76 della legge 388/2000, il legislatore ha stabilito una norma semplice e chiara: i giornalisti (professionisti, pubblicisti e praticanti), assunti come redattori o come collaboratori fissi o come corrispondenti devono essere assicurati esclusivamente con l'Inpgi/1. L'Inpgi/1 è l'Inps dei giornalisti. Una “circolare Maroni” del 2003 fissa questo obbligo anche per le Pubbliche amministrazioni. Quello degli Uffici stampa è lavoro giornalistico: pertanto coloro che vi sono impegnati e che sono iscritti negli elenchi dell'Albo devono essere assicurati con l'Inpgi/1. Attualmente da 3 a 4mila giornalisti, impiegati negli Uffici stampa di aziende private e della Pa, attendono di essere regolarizzati previdenzialmente. E' un calcolo prudente sorretto da accertamenti empirici sindacali. Un dato molto importante emerge dai risultati delle ispezioni INPGI in Italia nel 1° semestre 2015: vi sono grandi aziende italiane e multinazionali operanti nel nostro Paese che per la comunicazione, le pubbliche relazioni e gli uffici stampa si avvalgono di giornalisti versando però erroneamente i contributi previdenziali all'INPS, anziché all'INPGI/1. In questo caso i contributi versati dalle aziende non editoriali vengono subito direttamente travasati dall'INPS all'INPGI/1 senza interessi, né sanzioni, nè vertenze legali. Per l'INPGI/1 questo può rappresentare un vero toccasana perché in poco tempo si assicura liquidità proprio in un momento particolarmente difficile. Ecco alcuni significativi esempi che, grazie al lavoro di appena 18 ispettori di vigilanza, hanno consentito all'INPGI/1 - unico ente previdenziale privatizzato sostitutivo dell'INPS in Italia - di ampliare il numero dei giornalisti iscritti come lavoratori subordinati e di rimpinguare le casse per circa 1 milione e mezzo di euro per 19 giornalisti:


1) Fiat Chrysler - Torino: per otto giornalisti incassati dall'INPS 443 mila euro;


2) Fiat Group Marketing - Torino: per una giornalista incassati dall'INPS 171 mila euro;


3) Porsche Italia - Padova: per un giornalista incassati dall'INPS 173 mila euro;


4) Volkswagen Group Italia - Verona: per tre giornalisti incassati dall'INPS 264 mila euro;


5) Mercedes Benz Italia - Roma: per due giornalisti incassati dall'INPS 262 mila euro;


6) Banca Popolare di Milano - Milano: per un giornalista incassati dall'INPS 56 mila euro;


7) Banco di Sassari: per un giornalista incassati dall'INPS 105 mila euro;


8) Comune di Salerno: per due giornalisti incassati dall'INPS 54 mila euro.


9) Università della Calabria con sede a Rende (Cosenza): sono in corso di trasferimento 85 mila euro dall'INPS all'INPGI/1 per due giornalisti dipendenti del suo ufficio stampa.


Proseguendo celermente e a macchia d'olio su questa strada l'INPGI/1 potrebbe in breve tempo recuperare dall'INPS centinaia e centinaia di posizioni relative a giornalisti dipendenti che svolgono attività di comunicazione e ufficio stampa presso società pubbliche e private, enti pubblici e privati, nonché Comuni, Province e Regioni, frenando così l'emorragia di iscritti a seguito della grave crisi dell'editoria. Sindacati e Ordini regionali si sveglino e facciano una campagna informativa efficace e capillare. L'incremento delle entrate dell'Inpgi/1 è un obiettivo realistico e possibile. Tutta la categoria deve impegnarsi.Vanno illuminati innanzitutto i consulenti delle aziende (avvocati, commercialisti, consulenti del lavoro e ragionieri commercialisti), che nulla sanno della professione di giornalista e del Contratto nazionale di lavoro giornalsitico nonché dell'Inpgi.





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com