Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
  » Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Editoria-Web
Stampa

EDITORIA. AGCOM: NORME FLESSIBILI PER UN QUADRO MUTATO. INDAGINE SULL’INFORMAZIONE, IL WEB NON GARANTISCE LA SOSTENIBILITÀ.

DI MICHELE CASSANO/ANSA


ROMA, 16 giugno 2015.  "OCCORRE ADOTTARE NUOVE REGOLE CHE DISCIPLINANO IL SISTEMA DELL'INFORMAZIONE. SAREBBE APPROPRIATO UN QUADRO DI REGOLE COORDINATE PER I VARI MEDIA, SUFFICIENTEMENTE FLESSIBILE, ADATTO ALL'EVOLUZIONE DEL SISTEMA E IN GRADO DI GARANTIRE UN REALE PLURALISMO INFORMATIVO; TALE QUADRO DOVREBBE TENER CONTO DELLE SPECIFICITÀ DEL WEB E DEL NUOVO RUOLO CHE VANNO ASSUMENDO GLI OPERATORI DI SERVIZI internet". E' QUANTO SI LEGGE NELL'INDAGINE CONOSCITIVA DELL'AGCOM SU "INFORMAZIONE E internet IN ITALIA. MODELLI DI BUSINESS, CONSUMI, PROFESSIONE", ILLUSTRATA AL SENATO, TRA GLI ALTRI DAL PRESIDENTE DELL'AUTORITÀ, ANGELO MARCELLO CARDANI.    A CONCLUSIONE DELL'INDAGINE SI AUSPICA ANCHE UN RIPENSAMENTO "DEL QUADRO DI RIFERIMENTO DELLA PROFESSIONE GIORNALISTICA, CHE VADA NELLA DIREZIONE DI AGGIORNARE IL SISTEMA ALL'EVOLVERSI DEL CONTESTO TECNOLOGICO E DI MERCATO" E "DEL RUOLO DELL'INTERVENTO PUBBLICO A SOSTEGNO DEL SISTEMA INFORMATIVO" CHE PORTI "VERSO SISTEMI DI FINANZIAMENTO MISTI, CHE CONIUGHINO FINANZIAMENTI PRIVATI E PUBBLICI". DALL'INDAGINE, REALIZZATA ATTRAVERSO L'OSSERVATORIO SUL GIORNALISMO SU PIÙ DI 2.300 GIORNALISTI (6,5% DEL TOTALE), EMERGE COME IN ITALIA ESISTANO DEGLI OSTACOLI STRUTTURALI AL CAMBIAMENTO CHE NON FAVORISCONO L'EFFICIENTE ALLOCAZIONE DELLE RISORSE.   LA DIMENSIONE MEDIA DELLE REDAZIONI PASSA DAI 53 ADDETTI DEI QUOTIDIANI (DI CUI 16 GIORNALISTI, 35 COLLABORATORI ESTERNI E 2 ALTRE FIGURE PROFESSIONALI), AI 21 DELLA TV, FINO AD ARRIVARE AI 9 DELLA RADIO. NELL'ULTIMO QUINQUENNIO SI È INOLTRE ASSISTITO AD UNA PROGRESSIVA RIDUZIONE DEI RICAVI: I MEDIA "CLASSICI" (QUOTIDIANI, TV, RADIO) HANNO COMPLESSIVAMENTE PERSO QUASI 2 MILIARDI DI EURO, PRESENTANDO UNA  RIDUZIONE MEDIA PARI AL 16% NEL PERIODO 2010-2014, CON PUNTE SUPERIORI AL 30% PER I QUOTIDIANI. internet È L'UNICO MEZZO CHE MOSTRA RICAVI IN CRESCITA, ANCHE SE LA SUA INCIDENZA SUI RICAVI COMPLESSIVI RIMANE RELATIVA (CIRCA 15%) E LA PARTE INFORMATIVA DEL WEB NON REGISTRA VALORI TALI DA FAR PENSARE A UNA SUA SOSTENIBILITÀ.    L'ATTUALE PROPOSTA INFORMATIVA - SOTTOLINEA L'INDAGINE - APPARE ADEGUATA NELL'OFFERTA DI CONTENUTI TRADIZIONALI, QUALI ECONOMIA, ARTE, SPETTACOLI E POLITICA (IN CUI AD UN ECCESSO DI DOMANDA CORRISPONDE TUTTAVIA UNA ELEVATA QUALIFICAZIONE DELL'OFFERTA) CHE COMPONGONO IL PALINSESTO TIPICO DI UN TG O DI UN QUOTIDIANO. VICEVERSA, SU ARGOMENTI DI NUOVO INTERESSE, COME TECNOLOGIA E SALUTE, L'ATTUALE OFFERTA APPARE IMPREPARATA.  AL DIBATTITO HA PARTECIPATO ANCHE IL PRESIDENTE DI MEDIASET FEDELE CONFALONIERI CHE HA TRA L'ALTRO SOTTOLINEATO LA NECESSITÀ DI UGUAGLIANZA FISCALE TRA TV E OPERATORI DI internet, ANCHE IN VISTA DELL'ARRIVO DI NETFLIX. PER IL COMMISSARIO AGCOM, ANTONIO MARTUSCIELLO, "LA DIGITALIZZAZIONE HA PROVOCATO UN ABBASSAMENTO DELLE BARRIERE DI INGRESSO NEL MERCATO DELL'INFORMAZIONE, FACILITANDO LA PARTECIPAZIONE DI UN NUMERO CRESCENTE DI ATTORI. QUESTO, TUTTAVIA, NON SI È TRADOTTO NECESSARIAMENTE IN UNA MAGGIORE CONCORRENZA ED IN UNA MINORE CONCENTRAZIONE". IL PRESIDENTE DELL'ORDINE DEI GIORNALISTI, ENZO IACOPINO, HA SOTTOLINEATO CHE "C'È DISPONIBILITÀ A RIFORMARE L'ORDINE, RENDENDOLO PIÙ CONFORME ALL'ATTUALE REALTÀ DELLA PROFESSIONE, MA DEVE FARLO IL PARLAMENTO". "LE REDAZIONI - HA AGGIUNTO  - SONO ORMAI VUOTE. AUMENTANO LE ORE DI LAVORO E DIMINUISCE LA QUALITÀ, PERCHÉ CI SONO MENO CONTROLLI E LA SCRITTURA RISULTA MENO CURATA". (ANSA)


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


Editoria. Agcom: 73% italiani interessati all’informazione; 3% no.  - Roma, 16 giugno 2015. «Il 73% degli italiani e' molto o estremamente interessato all'informazione. Solo il 3% dice di non esserlo. Un tasso ben piu' elevato che nelle altre democrazie e peraltro trasversale per eta' e genere». E' quanto emerge dall'indagine conoscitiva su `Informazione e internet in Italia´, presentata oggi nella sala Capitolare del Senato della Repubblica. Dallo studio si evidenzia come le modalita' di fruizione dell'informazione stiano profondamente mutando con la diffusione di smartphone e talblet e interessando fasce sempre piu' giovani di informazione. Importanti sono le nuove piattaforme di aggregazione, i cosiddetti social network attraverso i quali ben il 35% degli utenti italiani di internet condivide le notizie. (AGI)



 



 



 



 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com