Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
  » INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  INPGI 1 e 2
Stampa

VICENDA SOPAF - Il presidente dell’Inpgi indagato per truffa ai danni Istituto. Dalla Gdf la notifica di un'informazione di garanzia (con contestuale avviso al difensore) sulle operazioni immobiliari. L’accusa: Andrea Camporese avrebbe consentito alla Sopaf di realizzare un ingiusto profitto in danno dell'Inpgi, per 7.600.000 euro, attraverso operazioni di trasferimento di quote di Fip (Fondo Immobili Pubblici). Pm Gaetano Ruta: “Camporese aveva rapporti molto stretti con i vertici di Sopaf”. Camporese: “Nessun accordo occulto, assoluta correttezza. Gli inquirenti non hanno mai neppure ipotizzato che io abbia potuto trarre un vantaggio personale dall’operazione”. Il presidente rivendica l’estraneità alle accuse. - IN CODA gli articoli pubblicati da maggio ad oggi.

ROMA, 14 novembre 2014.  Militari della Gdf hanno notificato oggi a Perugia, a margine di un convegno, un'informazione di garanzia (con contestuale avviso al difensore) al presidente del'Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti (Inpgi) Andrea Camporese. Questi risulta indagato per truffa ai danni dell'Istituto: secondo l'accusa Camporese, in concorso con gli amministratori del Gruppo Sopaf Spa, avrebbe consentito alla stessa Sopaf di realizzare un ingiusto profitto in danno dell'Inpgi, per 7.600.000 euro, attraverso operazioni di trasferimento di quote di Fip (Fondo Immobili Pubblici). Nell'inchiesta, diretta dalla Procura di Milano (nella persona del sostituto, dottor Ruta) e svolta da militari del Nucleo speciale di polizia valutaria della Guardia di Finanza, oltre a Camporese, sono indagate altre cinque persone: Giorgio Magnoni, Alberto Ciaperoni, Stefano Siglienti, Andrea Toschi, della Sopaf (Società Partecipazioni Finanziarie), già coinvolta in altre vicende giudiziarie e il banchiere d'affari Gianfranco Paparella. La presunta truffa sarebbe avvenuta nel contesto di una complessa operazione finanziaria: secondo gli inquirenti, Sopaf Spa ha acquistato quote Fip, poi rivendute all'Inpgi e all'Enpam (Ente di previdenza dei medici) dalla società austriaca Immowest. Non avendo la disponibilità finanziaria per concludere la transazione con Immowest - sempre secondo la ricostruzione dei pm e della Guardia di Finanza - Sopaf è riuscita a definire l'operazione solo grazie ad un finanziamento occulto ottenuto dagli stessi. Per poter celare il finanziamento – sostiene l'accusa - sono stati stipulati, tra Sopaf e gli enti Enpam e Inpgi, due Escrow Agreement (deposito in garanzia presso terzo rispetto ai contraenti), collegati ai contratti di compravendita; tali atti sono stati strutturati in modo tale da permettere a Sopaf di poter disporre del prezzo di vendita prima che i certificati delle quote Fip fossero trasferiti agli enti.  Per quel che concerne specificamente l'Inpgi gli inquirenti hanno accertato che i dirigenti dell'ente non sono intervenuti in alcuna fase della redazione dei Escrow Agreement, accettando passivamente quanto stabilito da Sopaf. Tale particolare è confermato - secondo l'accusa - dall'analisi della documentazione acquisita e dalle dichiarazioni dei dipendenti di Intesa Sanpaolo (Escrow Agent dell'operazione) coinvolti nelle operazioni. Sempre secondo l'accusa, il contratto di Escrow con l'Inpgi è stato strutturato esclusivamente per permettere a Sopaf di costituire la provvista necessaria per l'acquisto delle quote Fip da Immowest. Tale contratto - sempre secondo gli inquirenti - è stato occultato al Consiglio di Amministrazione dell'ente in sede di ratifica della delibera presidenziale n. 42 del 19 febbraio 2009 (con cui è stato disposto l'acquisto delle quote Fip da Sopaf) a firma di Camporese, ratificata dal Consiglio di amministrazione con atto n. 40 del successivo 7 aprile. L'effetto della complessa operazione, secondo i pm - sarebbe stato quello di un ingiusto profitto realizzato dalla Sopaf ai danni dell'Inpgi per oltre sette milioni e mezzo di euro. (ANSA).




.PM GAETANO RUTA: “CAMPORESE AVEVA UNA CONSUETUDINE DI RAPPORTI MOLTO STRETTA CON I VERTICI DI SOPAF”. MILANO, 14 novembre 2014.  L'inchiesta sulla holding Sopaf avrebbe documentato "una consuetudine di rapporti molto stretta" tra il presidente del'Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti (Inpgi), Andrea Camporese, e "i vertici" della stessa società. E' quanto si legge negli atti delle indagini coordinate dal pm di Milano Gaetano Ruta che ha inviato una informazione di garanzia a Camporese con l'ipotesi di truffa ai danni dell'Istituto, notificata stamani dal Nucleo speciale di polizia valutaria della Gdf. Nell'ambito della prima tranche dell'inchiesta, lo scorso maggio, erano stati arrestati i tre fratelli Ruggero, Aldo e Giorgio Magnoni, e il figlio di quest'ultimo, Luca, accusati del crac della holding Sopaf, assieme ad Andrea Toschi, che è stato presidente di Arner Bank, Alberto Ciamperoni, ad della società di gestione risparmio Adenium, e Gianluca Selvi, dominus della società Hps. Tre giorni fa, invece, è finito in carcere Paolo Saltarelli, l'ex Presidente della Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza dei Ragionieri, accusato di corruzione (oggi è stato interrogato dal gip) per aver intascato una mazzetta da un milione di euro dando in cambio la gestione di circa 630 milioni di euro di contributi previdenziali dei ragionieri ad Adenium Sgr, società controllata da Sopaf. Nell'ambito della tranche dell'inchiesta che vede indagato Camporese, al presidente dell'Inpgi viene contestato, in concorso con gli amministratori del Gruppo Sopaf Spa, di aver consentito alla stessa Sopaf di realizzare un ingiusto profitto in danno dell'Inpgi per 7.600.000 euro, attraverso operazioni di trasferimento di quote di Fip (Fondo Immobili Pubblici). Agli atti dell'inchiesta ci sono una serie di e-mail. Sopaf, il 23 febbraio 2009, come si legge negli atti, "ha sottoscritto un contratto di compravendita di ulteriori 224 quote del Fip con l'INPGI (...) il prezzo 'immodificabile' di acquisto concordato è stato pari ad euro 30.0000.000". Nel contratto in argomento, si legge ancora, "sottoscritto dal Presidente dell'Inpgi, Camporese Andrea, era indicato soltanto il prezzo complessivo della compravendita, senza alcuna indicazione del valore della quota (...), né dei criteri di determinazione del prezzo". (ANSA).




.CAMPORESE: “NESSUN ACCORDO OCCULTO, ASSOLUTA CORRETTEZZA”. PRESIDENTE DELL’INPGI RIVENDICA L’ESTRANEITÀ ALLE ACCUSE. - ROMA, 14 novembre 2014. Nessun "accordo occulto o sotterfugio" nell'operazione finanziaria per la quale la procura di Milano ha indagato il presidente dell'Inpgi, Andrea Camporese. Lo precisa lo stesso Camporese, che aggiunge: "Auspico che al più presto si accerti l'assoluta correttezza dell'operato mio e di tutte le persone che in seno all'Inpgi hanno lavorato per realizzare questo investimento". "Ho ricevuto con stupore e profonda amarezza - afferma Camporese - la notifica di un atto con cui mi si informa dell'esistenza di indagini anche nei miei confronti, in qualità di Presidente dell'Inpgi, in relazione a un'operazione avvenuta nel 2009 di acquisto di quote del fondo immobiliare riservato 'FIP-Fondo Immobili Pubblici', promosso dal Ministero dell'Economia e delle Finanze". "Tale acquisto - ricostruisce il presidente Inpgi - avvenne con uno sconto significativo sul NAV (Valore Unitario Netto della quota calcolato per legge dalla Società di gestione del risparmio che gestisce il fondo) e ha prodotto dal momento dell'acquisto al 30 ottobre 2014 un rendimento annuo lordo del 9,53% sull'investimento e proventi incassati pari a 10,7 milioni di euro sui 30 milioni investiti all'epoca. Nonostante ciò - continua Camporese -le verifiche degli inquirenti sarebbero incentrate su un presunto accordo esistente tra me e il venditore delle quote, che avrebbe portato al pagamento di un prezzo eccessivo delle quote stesse. In buona sostanza, mentre le quote sono state da noi pagate 133.333,33 euro ciascuna, sarebbero state, invece, acquistate dal nostro venditore a un prezzo più basso". "Confido che venga immediatamente appurato che mai alcun accordo occulto o sotterfugio è stato utilizzato in questa vicenda, come in tutte le altre seguite dall'Ente", dice Camporese, precisando che "l'operazione in questione, istruita dagli uffici dell'Inpgi secondo le procedure interne, è stata realizzata utilizzando schemi negoziali usuali e tipici dei mercati finanziari nell'ambito di un procedimento pienamente trasparente e tracciabile in ogni passaggio e, pertanto, senza possibilità di occultare alcunché. Gli inquirenti, al riguardo, non hanno mai neppure ipotizzato che io abbia potuto trarre un vantaggio personale dall'operazione". "Auspico che al più presto - continua il presidente dell'Istituto di previdenza - si accerti l'assoluta correttezza dell'operato mio e di tutte le persone che in seno all'Inpgi hanno lavorato per realizzare questo investimento. Me lo auguro, in particolare, per garantire la serenità di tutti coloro che svolgono compiti delicati nell'interesse dell'Istituto e che sono istituzionalmente impegnati a trattare operazioni come queste con centinaia di controparti. Desidero ringraziare - conclude - le tantissime persone che mi hanno inviato messaggi di stima, le quali, conoscendomi, non mettono in dubbio la mia onestà". (ANSA).


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§


ARTICOLI CORRELATI.



.9.5.2014 - .INCHIESTA SOPAF: ARRESTATI I FRATELLI MAGNONI e uno dei nipoti. Complessivamente 7 persone in carcere (su 19 indagati). I reati contestati sono associazione per delinquere finalizzata alla bancarotta fraudolenta, alla truffa aggravata, all’appropriazione indebita, alla frode fiscale e al riciclaggio. Truffate alcune casse di previdenza: per 52 milioni di euro la Cnpr (ragionieri), per 20 milioni l'Enpam (medici) e per 7 milioni l'Inpgi (giornalisti). Un “colpo” In totale di 79 milioni. Diverse acquisizioni di documenti da parte della GdF negli uffici dei presidenti degli enti. Sequestrati 60 immobili (la maggior parte nel centro di Milano) e bloccati oltre 300 rapporti bancari in varie parti d'Italia per un valore complessivo che si stima vicino ai 185 milioni di euro. I retroscena pubblicati da Il Sole 24 Ore tra il 2009 e il 2012 e firmati da Nicola Borzi e Vitaliano D’Angerio; un altro articolo “profetico” è di Vittorio Malagutti (Il Fatto quotidiano). Le polemiche della campagna elettorale del 2012. COMUNICATO INPGI: “L’Ente ha assunto il ruolo di soggetto terzo, totalmente estraneo ai fatti, risalenti al febbraio 2009, oggetto di accertamento”. – TESTO IN http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=14655


 


.10.5.2014 - SOPAF - Il Sole 24 Ore/Radiocor ricostruisce minutamente la vicenda. “Le operazioni effettuate da Sopaf con Enpam e Inpgi, le casse di previdenza  rispettivamente di medici e giornalisti, sono del tutto anti-economiche per questi enti, considerato che hanno consentito un margine di profitto elevato alle società degli indagati, privo di qualsiasi giustificazioni, sulla base di  una triangolazione di cui non si comprendono le ragioni  negoziali”. Lo scrive il pm di Milano Gaetano Ruta, titolare del fascicolo che ha portato all'esecuzione di sette ordinanze di custodie cautelare. Per il pm, “Sopaf ha ottenuto un ingiusto  profitto pari a 15.986.025 euro nell'operazione con l'Enpam e  pari a 7.600.000 euro nell'operazione con Inpgi, in danno   degli enti che avrebbero potuto acquistare tali quote con uno   sconto maggiore”. – TESTO IN http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=14659


.10.5.2014 - I retroscena della storia Sopaf pubblicati tra il 2009 e il 2012 da Il Sole 24 Ore. - 17.2.2012 -  ANALISI TECNICA. Quell’affare (per chi?) delle quote di FIP vendute  tre anni fa all’INPGI - Chi è l’autore della certificazione del valore unitario della quota del fondo FIP (oltre 140mila euro) che presentò l’acquisto di quote FIP da parte di INPGI come “un affare”? Perché, nonostante la stampa economica e internazionale ne avesse parlato diffusamente, nessuno a quanto pare dentro l’INPGI si dedicò a capire come mai, appena poche settimane prima di cedere quote di FIP a INPGI, SOPAF avesse acquistato dal gruppo austriaco quote di FIP per un valore inferiore del 20% a quello pagato dagli austriaci e comunque inferiore di oltre il 33% al prezzo pagato dall’INPGI a SOPAF solo pochi giorni dopo? Nell’acquisto di quote di FIP per 30 milioni, il 19 febbraio 2009, con  una delibera firmata dal presidente dell’Istituto, chi ha fatto l’affare: l’INPGI o la SOPAF che avrebbe guadagnato 7,5 milioni su 30 di ricavi? - di Nicola BORZI/Plus24/Il Sole 24 Ore. (IN CODA due articoli di Vitaliano D'Angerio).  – TESTO IN http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=8399


 .11.5.2014 - SOPAF/INPGI. La  vicenda Sopaf sarà affrontata lunedì 12 maggio dal Comitato amministratore della gestione separata dell’Inpgi (o Inpgi 2) e martedì 13 maggio  dal Consiglio di Amministrazione della gestione principale dell’Inpgi (o Inpgi 1). Pierluigi Franz (sindaco dell’Istituto): “Non può l'INPGI/2 essere parte lesa - come hanno scritto i giornali - in quanto ha sempre sostenuto di aver tratto un buon guadagno dall'operazione”. Nei prossimi giorni  inizieranno  di fronte al Gip Donatella Banci  Buonamicini gli intererogatori di garanzia per i 7 arrestati. – TESTO IN http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=14664


12.5.2014 - SOPAF-INPGI/2 - Messaggio di Nicola Borzi a Franco Abruzzo: “L'Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani (Inpgi) ha la sfrontatezza di dire che non si sente truffato (come, invece, affermano i magistrati) dai fratelli Magnoni e dai loro soci di Sopaf. Perché l'Inpgi si chiude a riccio e non ammette l'errore? I vertici dell'Inpgi sanno che, una volta acclarato il danno, la Procura della Repubblica è tenuta a inviare una segnalazione di questo danno alla Corte dei Conti…”.  – TESTO IN http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=14671


12.5.2014 -  INPGI (15.2.2012) - Il direttore generale risponde sui fondi private equity: il rischio connesso agli investimenti è sotto controllo. Informazioni costanti anche ai   Ministeri vigilanti e al Parlamento. Fra i consulenti dell’Istituto il prof. Luigi Spaventa. In coda le due note di Nicola Borzi, l’articolo di Vittorio Malagutti, la prima replica della Fondazione sulle operazioni e la controreplica di Nicola Borzi. Nel 2009 l’Inpgi ha conseguito il riconoscimento internazionale (Ipe Awards) di miglior investitore istituzionale tra i fondi pensione italiani. Franco Abruzzo. “Le minacce di azioni  giudiziarie contro il cronista del Sole 24 Ore sono sbagliate: gli iscritti all’Istituto hanno il diritto di conoscere come i propri quattrini vengono investiti, mentre i cronisti  hanno l’obbligo di attenersi alla Carta dei doveri dell’informazione economica e soprattutto al rispetto del principio della verità sostanziale dei fatti. Non credo che Borzi  e Vittorio Malagutti abbiano violato alcunché, occupandosi degli investimenti. L’Istituto ha già scritto che  ‘le notizie riportate dal Fattoquotidiano saranno oggetto di immediate verifiche a tutela degli interessi di Inpgi e degli iscritti’. L’auspicio è che queste verifiche siano rese pubbliche al più presto”. – TESTO IN http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=8387


.13.5.2014 - Sopaf. Le  Casse dei giornalisti e dei  ragionieri  convocate in Parlamento. Poi toccherà all’Enpam. Il presidente della Bicamerale Lello Di Gioia: «Vogliamo vedere le carte e capire quali sono stati in questi ultimi anni gli investimenti effettuati, quali profili di rischio e redditività. La garanzia delle pensioni degli iscritti deve essere messa sempre al primo posto». - di Ignazio Marino/ITALIAOGGI/ - TESTO IN http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=14682


.13.5.2014 - SOPAF. L’INPGI GARANTISCE LA MASSIMA COLLABORAZIONE ALLA GDF IMPEGNATA NELLE INDAGINI. – TESTO IN http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=14681


.13.5.2014 - Dopo la vicenda Sopaf,  la Fondazione Enasarco ha approvato un regolamento finanziario per sottoporre a rigorosi filtri preventivi le politiche d'investimento in modo da «riqualificare la gestione degli asset». – TESTO IN http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=14678


.14.5.2014 - Dopo la vicenda SOPAF. La Commissione parlamentare di controllo sugli enti della  previdenza obbligatoria ha ascoltato Inpgi e Cnpr. Occorre la definizione di un modello di investimento, condiviso con le istituzioni di  vigilanza e con gli organi di vigilanza parlamentare, che   superi il modello degli investimenti finanziari «puri». – TESTO IN http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=14698


.24.5.2014 - Le pensioni Inpgi dei giornalisti sono al sicuro. di Edmondo Rho. TESTO IN http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=14769


.27.5.2014 - .INPGI (gestione principale). Bilancio consuntivo 2013 ratificato all’unanimità dal Consiglio Generale: avanzo di 41 milioni. Continua la forte criticità del mercato del lavoro: diminuiscono i contributi aumenta la spesa per ammortizzatori sociali e pensioni. Edmondo Rho arricchisce il comunicato dell’Istituto: “Il saldo netto tra contributi e prestazioni IVS (Invalidità, Vecchiaia, Superstiti) segna meno 81,6 milioni. L’avanzo netto ottenuto esclusivamente grazie ai profitti della gestione patrimoniale”. Nella Gestione separata il rendimento netto contabile dell’intero patrimonio ha raggiunto il considerevole risultato del 7,28% (“Una cassa ricca e redditizia, ma, scrive Rho,  con iscritti poveri”). Approvato un odg nel quale si legge. “Il Consiglio generale ribadisce la sua piena solidarietà nei confronti del Cda e della Presidenza di cui condivide l’operato, ed esprime inoltre la sua piena fiducia nell’opera della magistratura che indaga sulla cosiddetta vicenda Sopaf”. – TESTO IN http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=14790


.27.5.2014 - GIORNALISTI, UN LAVORO CHE VALE MENO. IN 6 ANNI PERSO IL 15,7% DEL POTERE D'ACQUISTO. /di Corrado Chiominto - Cda Casagit, esponente di Puntoeacapo/ - TESTO IN http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=14794


.28.5.2014 - PREVIDENZA. BILANCI 2013. PUBBLICHIAMO TUTTI I NUMERI DELL’INPGI (GESTIONE PRINCIPALE): ENTRATE CONTRIBUTIVE PER 344,3 MILIONI, USCITE (PENSIONI PAGATE) PER 425,9 MILIONI. La differenza fa – 81,6 milioni. Incassa 100 euro e ne spende 123,68. Al 31 dicembre 2013 i rapporti di lavoro erano 16.717 con una diminuzione di ben 1.022 rapporti rispetto a quelli in essere nel 2012 (17.739: - 5,8%). In questi numeri è racchiuso il drammatico momento vissuto dalla Fondazione, mentre la crisi dell’editoria peggiora (almeno 500 giornalisti nei primi mesi del 2014 hanno abbandonato le redazioni). In 4 anni l’ente ha perso l'11% dei contribuenti. In 4 anni l’ente ha perso l'11% dei contribuenti. Il futuro dell’Inpgi si chiama Inps con l’applicazione della “riforma Fornero delle pensioni”? Eppure, grazie alla gestione patrimoniale, il saldo contabile dell’esercizio presenta un avanzo “sostanzialmente” in aumento rispetto a quello dell’anno precedente, pari a 41,2 milioni di euro (+ 30,1 milioni di euro rispetto al 2012). Il valore di carico dei titoli a breve presenti in portafoglio alla fine dell’esercizio ammonta a euro 541.007.000, in decremento per 102.997.000 “quale conseguenza delle operazioni di vendita necessarie al soddisfacimento delle esigenze di liquidità verificatesi nel corso dell’esercizio”. In coda i bilanci della gestione principale e della gestione separata dell’Istituto. Franco Abruzzo. “Invito i colleghi a leggere il bilancio e a prendere coscienza della gravità dell’ora”. –TESTO IN http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=14798


.24.7.2014 - Corte dei conti: giudizio positivo sulle strategie adottate dall’Inpgi per fronteggiare crisi e perdita occupazionale. Consuntivo 2013 chiuso con oltre 30 milioni in più rispetto al 2012. I giudici contabili invitano, nelle riflessioni conclusive della relazione, gli organi di amministrazione dell’Istituto ad una “costante attenzione ai saldi previdenziali” - il cui equilibrio è ex lege condizione necessaria per la positiva valutazione della sostenibilità dell’Ente - ma anche ad una attenta riflessione “sulla necessità dell’adozione di nuovi interventi correttivi degli squilibri della gestione previdenziale”. IN CODA la relazione della Corte dei Conti. – TESTO IN http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=15245


.8.10.2014 - .PENSIONI INPGI. La strana manovra di Andrea Camporese che ha partecipato all’attacco alla sentenza della Cassazione che ha  bocciato i tagli alle pensioni come auspica il presidente della Cassa Ragionieri sodale di Camporese nell’Adepp. Camporese ha detto: "Un approfondimento è opportuno, affrontando questioni che riguardano la sostenibilità tecnico-attuariale, l'andamento dell'economia reale e quindi del flusso contributivo, l'andamento demografico, il peso dei diritti acquisiti. Il fine deve essere quello di trovare un nuovo punto di equilibrio tra tutte queste componenti". Che significano queste parole? Camporese parli chiaro e dica che, se il futuro dell’Inpgi è a rischio, la confluenza nell’Inps è l’unica soluzione prima che sia troppo tardi. Quest’anno il bilancio previdenziale dell’Istituto chiuderà con un meno 100 milioni. (La REPLICA di Paolo Serventi Longhi vicepresidente dell’Inpgi:  nessun taglio agli assegni, ma il presidente Andrea Camporese è “preoccupato per le conseguenze della crisi economica”. Silenzio sui conti dell’Istituto). - di FRANCO ABRUZZO/presidente Unpit – Testo in http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=15718


.12.10.2014 - .INPGI - Pubblichiamo la parte della relazione (relativa all’esercizio 2013) firmata dalla Corte dei conti sui compensi degli amministratori. Il presidente dell’ente ha ricevuto una indennità di 314.647 euro (la stessa cifra che  incassa il primo presidente della Cassazione). Vale anche per Andrea Camporese (come per il presidente dell’Inps) il tetto dei 240mila euro figurando l’Istituto tra le pubbliche amministrazioni (ex dl 16/2012)? Per i giornalisti Rai tetto a 240mila euro. –TESTO IN http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=15750


.11.11.2014 - .INPGI, IL BILANCIO DIMOSTRA CHE L'INPGI E' IL BANCOMAT DELLE PARTI SOCIALI. E' IL MOMENTO DI CAMBIARE STRADA. ECCO PERCHE' MI ASTENGO. - di Carlo Chianura/Cda dell’Inpgi – TESTO IN http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=16058


 .11.11.2014 - .Inchiesta Sopaf, arrestato presidente Cassa Ragionieri. Paolo Santarelli accusato di corruzione dalla Procura di Milano. In particolare  è accusato di aver intascato una mazzetta di circa 1 milione di euro. Gip: “A Salterelli il 6% di ogni euro investito”. – TESTO IN http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=16057


 


 


 



xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx



Tutte le vicende dell’Inpgi dal 2009 ad oggi in



http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=6274



xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx



 



 


 


 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com