Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
  » FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  FNSI-Giornalismo dipendente
Stampa

IL MESSAGGERO: 5 licenziamenti collettivi (legge 223/1991) come all’Adnkronos (dove la manovra è stata neutralizzata). Cdr sul piede di guerra. La solidarietà della Fnsi: "Un atto impraticabile in una testata in stato di crisi".


Roma, 1 aprile 2014. La società editrice il Messaggero ha aperto la procedura per il licenziamento di cinque giornalisti, (quattro articoli 2 e un articolo 1) in base alle norme della legge 223/91. Si tratta di un gesto grave e inaccettabile, attuato mentre è ancora in corso lo stato di crisi dichiarato ai sensi della legge 416/81, ossia la specifica normativa preposta a regolare le situazioni di difficoltà aziendale nel settore dell’editoria. Questo stato di crisi, il secondo in pochi anni, ha permesso all’azienda di ridurre sensibilmente i propri costi con l’uscita di 25 colleghi articolo 1 (dopo i quasi cinquanta usciti con il precedente). Altri risparmi di spesa sono stati ottenuti con sacrifici a carico dei giornalisti e dei poligrafici. In tutti questi mesi la redazione e il Cdr, consapevoli della situazione di grave crisi che investe tutto il settore, si sono mossi con senso di responsabilità avendo come unico obiettivo il rafforzamento del giornale e la difesa della sua qualità. Il Cdr ritiene che l’applicazione della legge 223 al settore editoriale, fortunatamente appena sventata a prezzo di dure lotte dai colleghi dell’Adnkrons, sia un’eventualità da scongiurare a tutti i costi. Dichiara quindi fin d’ora impraticabile la scorciatoia dei licenziamenti collettivi e si prepara ad assumere tutte le iniziative necessarie per sbarrarla nei fatti. (da “Il Messaggero” del 1° aprile 2014).



Editoria. FNSI: PREOCCUPANO I LICENZIAMENTI AL MESSAGGERO. PIENA SOLIDARIETA' A CDR E COLLEGHI. - ROMA, 1 APRILE 2014. LA FEDERAZIONE NAZIONALE DELLA STAMPA ITALIANA ESPRIME "PIENA SOLIDARIETA' E SOSTEGNO AL COMITATO DI REDAZIONE DEI COLLEGHI DEL MESSAGGERO CHE STANNO CONTRASTANDO LA DECISIONE DELL'EDITORE DI AVVIARE LA PROCEDURA DI LICENZIAMENTO COLLETTIVO PER UN GIORNALISTA A TEMPO PIENO E PER QUATTRO COLLABORATORI FISSI".   "IL MESSAGGERO - SI LEGGE IN UNA NOTA DELLA FNSI - STA, PERALTRO, BENEFICIANDO, PER LA SECONDA VOLTA IN POCHI ANNI DEGLI INTERVENTI SOCIALI PREVISTI NELLA LEGGE 416 PER L'editoria. IL SINDACATO DEI giornalisti GIUDICA IL RICORSO ALLA LEGGE 223 PER IL LICENZIAMENTI COLLETTIVI UN ATTO ABNORME, ANCOR PIU' IN QUESTA SITUAZIONE DELICATA E PERCIO' IMPRATICABILE. IN SEDE DI ESAME DELLA SITUAZIONE DEI FATTI  ORGANIZZATIVI E PRODUTTIVI NEGLI ULTIMI DUE ANNI SARA' INVECE POSSIBILE RICERCARE OGNI SOLUZIONE ADEGUATA E SOCIALMENTE SOSTENIBILE. LA FNSI SOSTERRA' IL CDR E I COLLEGHI DEL MESSAGGERO NEGLI SVILUPPI DELLA VERTENZA PER I DIRITTI DEI giornalisti AL LAVORO". (ANSA).



§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§





NOTA/ Un licenziamento collettivo è un licenziamento che coinvolge contestualmente una pluralità di lavoratori e che comporta una soppressione dei posti di lavoro conseguente a riduzione, trasformazione o cessazione di attività o di lavoro.






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com