Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
  » Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Ordine giornalisti
Stampa

I tagli della Spending Review non colpiscono gli ordini professionali. Gli ordini sono finanziati dai contributi degli iscritti e non dall’ente pubblico, quindi sono al riparo dalle riduzioni di personale della PA

(03/10/2013) – Gli ordini professionali non sono strettamente dipendenti dall’autorità pubblica e quindi non sono soggetti ai tagli di personale della Spending Review. Lo sostiene indirettamente la Corte di Giustizia europea, che con la sentenza C-526/11 del 12 settembre scorso si è pronunciata sulle modalità con cui gli ordini professionali possono partecipare agli appalti.


La pronuncia della Corte di Giustizia Europea ha un impatto sull’ordinamento italiano non tanto in termini di partecipazione alle gare, quanto per la classificazione degli ordini professionali, che risultano quindi esclusi dalla revisione della spesa pubblica.


Con la Spending Review, infatti, sono stati disposti tagli del personale della Pubblica Amministrazione, che in molti casi hanno generato dubbi su quali categorie del pubblico impiego dovessero essere coinvolte.


Affermando che gli ordini professionali non sono dipendenti dall’autorità pubblica, la Corte di Giustizia li ha quindi messi al riparo dai tagli di organico.


Secondo la Corte, per essere considerati organismi di diritto pubblico bisogna rispettare contemporaneamente tre condizioni:


- essere stati istituiti per soddisfare esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale,


- essere dotati di personalità giuridica,


- farsi finanziare in modo maggioritario dall’autorità pubblica, che controlla la gestione o nomina più della metà del consiglio di amministrazione.


Gli ordini professionali, invece, non rispondono a questi requisiti perché sono finanziati prevalentemente dai contributi versati dai loro membri e le loro attività non dipendono dall’autorità pubblica. (IN http://m.edilportale.com/news/2013/10/normativa/i-tagli-della-spending-review-non-colpiscono-gli-ordini-professionali_35700_15.html).



 


Norme correlate



 



Decreto Legge 06/07/ 2012 n. 95


Disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini (Spending Review)



Sentenza 12/09/ 2013 n. C-526/11


Corte di Giustizia Europea - Appalti pubblici – Direttiva 2004/18/CE – Articolo 1, paragrafo 9, secondo comma, lettera c) – Nozione di “organismo di diritto pubblico” – Condizione relativa al finanziamento dell’attività, al controllo della gestione, o al controllo sull’attività da parte dello Stato, di enti pubblici territoriali o di altri organismi di diritto pubblico – Ordine professionale dei medici – Finanziamento previsto dalla legge attraverso contributi versati dai membri di tale ordine – Importo dei contributi fissato dall’assemblea dello stesso ordine – Autonomia dell’ordine in merito alla determinazione della portata e delle modalità di esercizio delle sue funzioni istituzionali


 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com