Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
  » INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  INPGI 1 e 2
Stampa

Approvato all’unanimità il Consuntivo 2012. Avanzo economico di 11,1 milioni di euro, brillante il rendimento del patrimonio. Approvato anche il Bilancio preventivo 2013 da parte dei Ministeri vigilanti – Andrea Camporese: “I rapporti di lavoro in essere al 31 dicembre 2012 sono stati infatti pari a 17.547, con una diminuzione di ben 685 rapporti rispetto a quelli in essere all’anno precedente (18.232: - 3,8%)”.

Roma, 28 maggio 2013. Un avanzo economico di 11,1 milioni di euro nell’esercizio 2012, questo il dato che emerge dal Bilancio consuntivo dell’Inpgi gestione principale ratificato oggi all’unanimità dal Consiglio Generale e approvato nelle scorse settimane, sempre in maniera unanime, dal Consiglio di amministrazione.


Particolarmente brillante il risultato del rendimento complessivo della gestione patrimoniale, che per il 2012 si attesta al 10,28% netto, il livello più alto dell’ultimo triennio. Traguardo che dimostra la bontà delle scelte - adottate dall’Ente - ispirate alla diversificazione degli investimenti delle risorse finanziarie interne. Sul fronte degli investimenti mobiliari il 2012 ha mostrato i segni di ripresa indotti soprattutto dalle efficaci misure adottate dalla BCE, il comparto immobiliare invece, pur avendo fatto registrare nel 2012 maggiori entrate pari al 3,95% in più rispetto al 2011, subisce gli effetti negativi dell’applicazione dell’IMU che rispetto all’ICI ha determinato uno scostamento tra le due imposte del +164,8%. Nella Gestione separata il rendimento netto contabile dell’intero patrimonio ha raggiunto il considerevole risultato del 9,14%.


Il perdurare della crisi del sistema dell’informazione, ed in particolare delle aziende editoriali piccole e grandi, ha avuto un effetto negativo sull’occupazione e di conseguenza sul monte contributivo. L’Inpgi ha registrato una riduzione di ben 685 rapporti di lavoro rispetto all’anno precedente (-3,8%). L’Istituto, tuttavia, continua nella sua mission di welfare integrato con interventi a sostegno del reddito (+43% rispetto al 2011) per gli iscritti privi di occupazione o che vedono significativamente ridotte le loro retribuzioni. In particolare, nel nostro settore, si è manifestata una preoccupante linea di continuità con gli anni precedenti, relativamente al perdurare della crisi economica che ha comportato l’intensificarsi dei fenomeni espulsivi dal ciclo occupazionale. Nella relazione al bilancio consolidato 2012, Andrea Camporese ha scritto: “I rapporti di lavoro in essere al 31 dicembre 2012 sono stati infatti pari a 17.547, con una diminuzione di ben 685 rapporti rispetto a quelli in essere all’anno precedente (18.232: - 3,8%). La maggiore contrazione continua a registrarsi nell’ambito dei quotidiani (- 292 rispetto al 2011) e delle radio tv locali ( - 106). La problematica dell’occupazione rappresenta ancora il tema centrale del dibattito relativo all’individuazione delle possibili soluzioni per superare la situazione di impasse in cui si trova oggi il mondo dell’editoria. E in tal senso si colloca lo sforzo dell’ente di promuovere misure incentivanti per l’assunzione di giornalisti disoccupati, cassaintegrati o precari, che ha portato all’adozione da parte del Consiglio di amministrazione di un provvedimento che ha previsto un consistente sgravio contributivo in favore delle aziende, i cui effetti positivi hanno comportato l’assunzione finora di circa 300 unità”.


“Le aspettative che molti riponevano nel 2012 – afferma il Presidente dell’Inpgi Andrea Camporese – come momento dell’inversione di tendenza nell’andamento dell’economia del Paese sono state disattese dai risultati registrati nel corso dell’anno. Specie nel settore dell’editoria si è registrato il perdurare della crisi economica che ha determinato l’intensificarsi dell’emorragia di posti di lavoro. Tuttavia, non posso non segnalare la necessità urgente di condivisione dei costi rilevanti sostenuti dall’Ente nel medio termine e, allo stesso tempo, la responsabilità insieme alla Federazione Nazionale della Stampa Italiana di formulare ipotesi inclusive nel mercato del lavoro che possano intercettare un ciclo economico positivo che potrebbe giungere alla fine del 2014. Nell’immediato, oltre a ribadire l’impegno dell’Istituto nell’intervento a sostegno dei colleghi maggiormente colpiti dalla crisi, mi sento di tranquillizzare i nostri iscritti assicurando loro la sicurezza dei conti dell’Ente, certificata anche dallo stress test a 50 anni a cui recentemente il Ministero del Lavoro ci ha sottoposto. A riprova di ciò aggiungo che, proprio mentre il Consiglio generale ratificava il bilancio consuntivo 2012, i due Ministeri covigilanti ci notificavano l’approvazione ufficiale del bilancio di previsione 2013 unitamente all’assestamento 2012”. (IN http://www.inpgi.it/?q=node/1121)


 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com