Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:


Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
  » Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Storia
Stampa

La radio del PCI che beffò il monopolio RAI negli anni ‘50

Molto prima del fiorire delle “radio libere” e dell’apertura dell’etere ai privati è esistita una radio clandestina che forniva dei fatti dell’Italia e del mondo il punto di vista del PCI allora all’opposizione. Si chiamava Radio Oggi in Italia, e andava in onda da Praga; ma si comportava come se le trasmissioni partissero dal territorio nazionale. Ha funzionato per 18 anni, dal 1950 al 1968. Divenne un “caso” politico perché a lungo il governo di Roma non riuscì a capire dove e come operasse quella stazione contro corrente.


E’ è un capitolo della storia politica d’Italia e della storia dei media quasi sconosciuto.


Su alcuni avvenimenti le cronache erano più dirette e tempestive di quelle della radio RAI: per esempio durante le manifestazioni di Genova e Reggio Emilia nell’estate del 1960 contro il governo Tambroni a maggioranza DC-MSI, quando la radio del PCI riuscì a seguire i fatti praticamente in diretta.


Ma già nel 1953 dopo che si era votato con la famosa “legge truffa”, e i risultati ufficiali tardavano, Radio Oggi in Italia anticipò la RAI, annunciando che l’operazione maggioritaria era fallita perché nessuna lista aveva superato il quorum del 50 per cento.


Nell’ottobre 1956 fu la volta di uno scoop mondiale con la  segnalazione che le truppe sovietiche avevano varcato i confini dell’Ungheria. Le agenzie di stampa internazionali citarono proprio quella radio che trasmetteva in lingua italiana come fonte delle notizie flash delle prime ore sull’arrivo dei carri armati a Budapest.


Su Radio Oggi in Italia sarà pubblicato e messo in vendita, dopo l’estate 2013, un documentario – “La Guerra delle Onde-storia di una radio che non c’era” - realizzato da  due giovani giornalisti, Claudia Cipriani e Niccolò Volpati; sarà  accompagnato da un volume con documentazioni, biografie dei protagonisti, e un saggio di Marco Volpati su “L’arma invisibile”, la propaganda politica e di guerra attraverso la radio dagli anni ’20 fino alla caduta del Muro di Berlino.


Nel documentario parlano alcuni protagonisti. Tra gli altri Sandro Curzi, che alimentava Radio Oggi in Italia con corrispondenze da Roma, e Stella Amici, la speaker che parlava da Praga (era fuggita dall’Italia per sottrarsi  a un mandato di cattura dopo gli scontri di Modena alle Fonderie Riunite).


La realizzazione e diffusione del DVD+Libro “La Guerra delle Onde” è curata dall’editore “Produzioni dal Basso”. La pubblicazione partirà quando sarà raggiunto il numero “base” (500) di "copie prenotate".


Chi è interessato può sottoscrivere la propria intenzione di acquistarla al prezzo di 12 Euro (comprensivo delle spese di spedizione).


 


Per prenotare le copie:


http://www.produzionidalbasso.com/pdb_2522.html


 


Per saperne di più sul documentario:


www.laguerradelleonde.it


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
---------------------------------
Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.
---------------------------------
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno XV Copyright � 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com