Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
  » Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Ordine giornalisti
Stampa

La trasparenza dell’Ordine di Milano
fissata in una delibera amministrativa

Con la delibera approvata all’unanimità nella seduta del 10 giugno 2004 ed integrata nella seduta del 14 marzo 2005 sempre all’unanimità, il Consiglio dell’Ordine di Milano ha fissato le regole delle sue azioni in tutti i campi in cui opera. Con la certificazione delle regole si realizza la massima trasparenza e si assicura l'imparzialità dell'amministrazione.

Delibera sugli incarichi all’interno del  Consiglio dell’OgL e sulle  linee operative e di indirizzo in tema di Albo, affari del personale, Tabloid, procedimenti disciplinari, biblioteca,organizzazione dei corsi per i praticanti e gli operatori degli  Uffici stampa,  assistenza legale e fiscale agli iscritti, Urp, concorso tesi di laurea e regolamento contabile


1)  Il presidente, in base agli articoli 4 e 5 della legge n. 241/1990 e al successivo Regolamento del Cnog (recepito dall’OgL il 10 maggio 1994), assegna a singoli consiglieri istruttori i procedimenti amministrativi inerenti alle iscrizioni e alle cancellazioni nonché ai procedimenti disciplinari, ma “ne conserva la responsabilità”.


 


2) mensile “Tabloid” e sito web dell’OgL (www.odg.mi.it): direttore responsabile Francesco (“Franco”) Abruzzo. Le prestazioni del direttore sono gratuite, mentre i collaboratori, soltanto per gli articoli commissionati, vengono retribuiti di massima in base al tariffario dell’Ordine come è avvenuto nel passato. Sono completamente a carico dell’OgL, per quanto concerne Tabloid e il sito,  le spese legali e gli oneri economici collegati  a richieste di risarcimento danni in sede civile, amministrativa/contabile e penale. Il direttore, per la fattura di Tabloid, si avvale di un consulente retribuito dall’Ordine e inquadrato come cococo  (articolo 7, comma 6, del Dlgs n. 165/2001) ovviamente per la durata del mandato del Consiglio (2004/2007).  Si dà atto che il  Consiglio dell’Ordine ha stipulato una polizza a copertura dei rischi che derivano ai consiglieri e ai  revisori dall’esercizio delle loro funzioni previste dalla legge n. 69/1963 (e dal relativo regolamento Dpr n. 115/1965), da delibere del Consiglio, dalla legge n. 241/1990, dal Dlgs n. 165/2001 e dall’applicazione di altre norme (come, ad esempio, l’articolo. 331 Cpp e il Dpr 313/2002).


Una sentenza della Corte dei Conti (sezioni riunite,  5 aprile 1991, n. 707/A) riconosce i diritti di chi svolge una funzione pubblica di essere  salvaguardato economicamente: “Anche nel campo del diritto pubblico, coloro che sono investiti di una carica (anche onoraria) agiscono per un interesse non proprio in quanto legittimamente investiti (mandato pubblico) del compito di realizzare interessi di altri centri di imputazione giuridica (enti, collettività o altri organismi pubblici), con la conseguenza che i pubblici amministratori non devono sopportare nella propria sfera personale gli effetti svantaggiosi o dannosi della propria attività; e, pertanto, i componenti degli organi statutari degli enti pubblici hanno, in linea di principio, titolo a ricevere il rimborso delle spese sostenute ed il risarcimento dei danni sofferti per adempiere fedelmente il loro mandato”.Questa massima giurisprudenziale è stata recepita dal  Consiglio dell’Ordine nella seduta del 19 maggio 1997 a tutela della posizione e dell’attività pubblica dei consiglieri e dei revisori dell’ente.


 


3) Consigliere istruttore per i procedimenti disciplinari (art. 6, lett. a-b-c-e, della legge 241/1990): i procedimenti vengono assegnati dal presidente al consigliere Sergio D’Asnasch. L’OgL si avvale, per la lettura critica dei giornali e dei periodici, di un collaboratore, inquadrato come cococo (articolo 7, comma 6, del Dlgs n. 165/2001) ovviamente per la durata del mandato del Consiglio (2004/2007). 


4) Consigliere  istruttore per le iscrizioni (art. 6, lett. a-b-c-e, della legge 241/1990) all’Elenco professionisti, al Registro dei Praticanti (assunzioni normali) e all’Elenco speciale dell’Albo: Franco Abruzzo. Sono pratiche semplici, che vengono  esaurite nello spazio di 24 ore.  Si tratta peraltro di atti dovuti. Il presidente poi riferisce al Consiglio per la ratifica in occasione della prima seduta.


 


5) Consigliere istruttore per le iscrizioni (art. 6, lett. a-b-c-e, della legge 241/1990) all’Elenco pubblicisti dell’Albo:  i procedimenti vengono assegnati dal presidente a Brunello Tanzi e a Cosma  Damiano Nigro.


 


6) Consigliere istruttore per le iscrizioni d’ufficio (art. 6, lett. a-b-c-e, della legge 241/1990) al Registro dei Praticanti:  il presidente delega Laura Mulassano.


 


7) Affari del personale: Franco Abruzzo (che, come “capo struttura”, esercita i poteri disciplinari di cui all’articolo 55 del testo unico del Pubblico impiego-Dlgs n. 165/2001 limitatamente alle sanzioni del  rimprovero verbale e  della censura). Gli altri provvedimenti disciplinari più gravi sono di competenza del Consiglio al quale il presidente Abruzzo riferisce. In questi casi il Consiglio va integrato con un rappresentante del personale. Sono di competenza del Consiglio le assunzioni del personale e l’accettazione delle dimissioni.


 


8) Consiglieri incaricati dell’organizzazione degli esami di cultura per l’ammissione al praticantato e dei corsi  svolti presso il Pime per i praticanti, che devono sostenere  l’esame di Stato, e per gli aspiranti pubblicisti operatori degli uffici stampa: Michele D‘Elia e Paola Pastacaldi. L’OgL si avvale, come coordinatore, di un consulente per il corso praticanti  e di un consulente per il corso uffici stampa inquadrati come cococo (articolo 7, comma 6, del Dlgs n. 165/2001) ovviamente per la durata del mandato del Consiglio (2004/2007).


 


9)  Concorso tesi di laurea, biblioteca e iniziative culturali (anche per quanto riguarda Tabloid): consigliere Paola Pastacaldi.


 


10) Pareri di congruità (artt. 633  e  636 Cpc): Franco Abruzzo, che agisce con i poteri del  Consiglio, utilizzando come consulente l’avv. Luisa Nicosia. I casi complessi restano, comunque, di competenza del Consiglio.


 


11) Assistenza legale e fiscale gratuita agli iscritti. L’avv. Luisa Nicosia è incaricata del recupero crediti a favore degli iscritti liberi professionisti. L’assistenza fiscale-amministrativa viene svolta dallo  Studio del dott. Roberto Marcianesi (consulente dell’OgL dal 1992).


 


12) Urp (articolo 11 del Dlgs n. 165/2001): incarico ai consiglieri  Letizia Gonzales e a Laura Mulassano, che si alterneranno durante l’arco della settimana lavorativa .


-----------


Nota.  La direzione (coordinamento, vigilanza ed attuazione delle decisioni del Consiglio, affari del personale) degli Uffici dell’Ordine è stata affidata dal 2001 ad Elisabetta Graziani (posizione C5 del Cnl parastato, già  9° livello= funzionario capo). Isabella  Massara (posizione C 3, già VIII livello=funzionario amministrativo) svolge funzioni vicarie rispetto a Elisabetta Graziani.


 


Linee operative e di indirizzo:


 


1) per quanto riguarda i praticanti d’ufficio, il Consiglio opera nel rispetto della delibera 12 luglio 1991 del  Consiglio nazionale (che ribadisce principi fissati già nel 1986), dell’articolo 36 del Contratto di lavoro, dell’articolo 11 della legge professionale, e degli articoli 43 e 46 del Regolamento per l’esecuzione della legge professionale. Bisogna garantire a tutti i cittadini il godimento degli articoli 2 (tutela della dignità della persona: essere di diritto quello che si è di fatto) e 4 della Costituzione (diritto al lavoro). In sostanza i praticanti giornalisti si dividono secondo queste linee:


a) quelli normalmente assunti (quotidiani, periodici, tg, radiogiornali, testate web);


b) i pubblicisti assunti ex articolo 36 del vigente Cnlg (trattati economicamente come redattori professionisti e con il diritto contrattuale di sostenere l’esame di  Stato);


c) quelli che hanno superato il concorso presso l’Ifg e le  Scuole della Università Cattolica e dell’Università Iulm;


d) i redattori “di fatto” (cioè coloro che lavorano normalmente, senza essere assunti, presso quotidiani, periodici, tg, radiogiornali, testate web);


e) i  “redattori staccati” o “corrispondenti” con incarichi di lavoro su pagine di cronaca elaborate con le tecniche delle cronache cittadine (pubblicisti anche assunti ex articolo 12  del vigente Cnlg);


f) “pubblicisti free lance”, che abbiano compensi complessivi pari al costo di un redattore praticante normale (cioè di almeno  15.500 euro lordi annui). (15.500 euro lordi annui come da delibera 28 novembre 2005).


 


1/bis. I praticanti giornalisti iscritti normalmente come tali e quelli  iscritti d’ufficio (“redattori di fatto” o “freelance”) dovranno attestare, prima dell'esame di idoneità professionale, di aver frequentato i seminari organizzati dal Consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti  o il corso di 120 ore organizzato dall’Ordine dei giornalisti della Lombardia oppure corsi di formazione attuati in sede aziendale anche in collaborazione con l'Ordine regionale. Senza la frequenza di uno di tali corsi o seminari non sarà possibile essere ammessi a sostenere l'esame di Stato (delibera Cnog 5 luglio 2002).


 


2)  I dipendenti delle pubbliche amministrazioni con rapporto di lavoro a tempo parziale possono chiedere l’iscrizione nell’elenco professionisti dell’Albo (articolo 1, commi 56 e 56-bis, della legge n. 662/1996; sentenza  11 giugno 2001 n. 189 della Corte costituzionale).


 


3) Retrodatazioni nel Registro e nell’elenco professionisti dell’Albo: sono sollecitate spesso dall’Inpgi per permettere il recupero di contributi che, invece, andrebbero restituiti agli interessati e alle aziende. In passato  gli Ordini iscrivevano i praticanti assunti dalla data della seduta del Consiglio, che non coincideva con quella dell’assunzione. Ciò era in contrasto con l’articolo 38 della Costituzione.


 


4) Una testata con redattori professionisti, pubblicisti e praticanti non può essere diretta da un iscritto all’Elenco speciale. Così una testata precedentemente diretta da un professionista o da un pubblicista non può essere diretta da un iscritto all’Elenco speciale, a meno che non rispecchi le caratteristiche dell’articolo 28 della legge professionale (pubblicazioni anche on-line a carattere professionale, scientifico o tecnico).


 


5)  Iscrizioni all’Elenco Pubblicisti. Gli aspiranti pubblicisti dovranno dimostrare di aver versato il 12% alla gestione separata dell’Inps a meno che non abbiano accordi scritti di data certa (e con anticipo rispetto all’inizio delle collaborazioni) con gli editori, che prevedano la cessione dei diritti d’autore (legge n. 633/1941). Va anche ribadito che  i compensi dovranno avvenire con periodicità e che il Consiglio non accetta pagamenti unici al termine del biennio delle collaborazioni giornalistiche.


 


6) Iscrizioni all’Elenco speciale. Il Consiglio ha sempre concepito e concepisce  l’Elenco speciale come con il pieno sostegno del tribunale di Milano, nel senso che i cittadini, i quali vogliono assumere la direzione di una testata con le qualità fissate dall’articolo 28 della legge professionale, possono liberamente farlo senza particolare formalità. In questo elenco vengono iscritti anche i direttori di periodici religiosi, dei periodici delle amministrazioni locali, dei sindacati, dei movimenti del volontariato. Bisogna garantire a tutti i cittadini il godimento pieno dell’articolo 21 della Costituzione. Dopo due anni, i direttori hanno facoltà di presentare domanda per l’iscrizione all’elenco pubblicisti dell’Albo, qualora il loro giornale non sia pubblicitario o commerciale. La quinta sezione del tribunale civile di Milano (sentenza 11  gennaio 2001 n. 1635, Zanardi contro Cnog, depositata il 12.2.2001) ha accolto l’impostazione dell’Ordine di Milano:  “...le  motivazioni del Consiglio nazionale non sono condivisibili nella parte in cui escludono che l’iscritto all’elenco speciale di cui all’articolo 28 della legge 3.2.1963 n. 69 possa chiedere l’iscrizione nell’elenco dei pubblicisti, e questo a prescindere da una valutazione di merito circa l’attività svolta in concreto dall’interessato...Ad avviso del Tribunale, non sussiste un’incompatibilità assoluta tra  iscrizione agli elenchi speciali  e iscrizione all’elenco dei pubblicisti, che deve invece ritenersi possibile qualora ne sussistano i presupposti di fatto (svolgimento di attività pubblicistica regolarmente retribuita per almeno due anni)”. Questa sentenza è stata confermata dalla Corte d’Appello di Milano (sentenza 3 luglio 2001 n. 1907, depositata il 10 luglio 2001): giornali e articoli, afferma la Corte d’Appello,  devono avere “quel minimo di diffusione  di capacità informativa proprio delle pubblicazioni giornalistiche”.


 


7) Regolamento contabile del Cnog  recepito dall’OgL.  Il Consiglio dell’OgL, nella seduta del 12 settembre 2001, ha recepito all’unanimità il Regolamento contabile del Cnog. Il regolamento contabile del Cnog, al quale gli Ordini regionali sono tenuti ad ispirare la loro condotta, introduce delle novità anche per l’amministrazione dell’OgL; valorizza il ruolo istruttorio del direttore; autorizza (senza il voto preventivo del Consiglio) spese fino a £ 5 milioni (euro 2.582,28) riguardanti  le esigenze di funzionamento dell’ente, mentre le  spese superiori a £  50 milioni (euro 25.822,84) dovranno essere assunte in  forma di asta pubblica o di licitazione privata.  L’Ufficio economato dell’ente, comunque, è impegnato a  chiedere tre preventivi per le spese superiori a £ 5 milioni (euro 2.582,28). Il Consiglio, infine, nella seduta  del 21-29 gennaio  2002, all’unanimità ha deciso di non accogliere la parte della delibera del Cnog in tema di indennità di carica e di gettoni di presenza  ai consiglieri e ai revisori.  A carico dell’OgL rimangono in sostanza le spese  di viaggio e di permanenza fuori sede  e quelle relative ai pranzi e alle cene di lavoro; spese queste tutte in bilancio e  classificate come spese di funzionamento.


 


                                                                     Il presidente dell’Ogl-estensore


                                                                         prof. Francesco Abruzzo


 


 





Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno VII Copyright © 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com