Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
  » Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Recensioni
Stampa

L'ultimo libro di Dario Fertilio, una nuova visione del totalitarismo.


4.6.2017 - Il totalitarismo è un vampiro: questa la tesi inedita contenuta nell'ultimo saggio di Dario Fertilio, giornalista di lungo scorso, per oltre quarant'anni firma del "Corriere della Sera". "Il virus totalitario" (edito da Rubbettino)  offre infatti al lettore, sia comune che specialista, una nuova lettura del fenomeno e una guida per comprendere e affrontare le attuali minacce internazionali e terroristiche. Nel libro, che aggiorna la classica lettura di Hannah Arendt a proposito della "banalità del male", Fertilio giudica il totalitarismo un sistema di dominio ideologico, aggiungendo che esso si diffonde allo stesso modo dei virus organici: parassitario, sempre pronto a trasformarsi, esso infetta e poi conquista cellule culturali e sociali sane, puntando attraverso di esse alla "maculazione universale", cioè a una propagazione senza limiti.


Il libro esamina anche fenomeni correlati che oggi appaiono folli e inspiegabili, come il terrorismo omicida e suicida, oltre al genocidio: essi sono antichi quanto l'umanità, ma è la combinazione ideologica e tecnologica che si è realizzata all'inizio del Novecento ad aver ingigantito il loro impatto. Questo nuovo studio sui fenomeni totalitari consente inoltre di accostare, analizzandone le affinità di fondo, il nazionalsocialismo hitleriano, il comunismo sovietico, il tardo fascismo italiano delle leggi razziali; ma anche i fenomeni contemporanei dell'islamismo radicale, del nazicomunismo postsovietico, del terzomondismo di matrice sudamericana, dei nuovi nazionalismi autoritari.


Infine, con una analisi destinata a suscitare polemiche, "Il virus del totalitarismo" denuncia la crescita di un pre-totalitarismo tutto occidentale, volto al controllo sociale e all'emarginazione dei dissidenti mediante il conformismo ideologico, la moltiplicazione dei diritti soggettivi, visioni apocalittiche come il riscaldamento globale, una transgenetica che relativizza i concetti stessi di vita e di morte.


In conclusione il saggio invita alla vigilanza contro l'insorgere di ogni nuova, sempre possibile forma totalitaria. Ognuno è chiamato a combattere con i mezzi a disposizione, allo scopo finale di "affamare il virus" e spingerlo all'estinzione.





 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno VII Copyright © 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com