Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
  » Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Recensioni
Stampa

Il volume di Nino Milazzo «Il mio Novecento. Memorie del Secolo breve» (Domenico Sanfilippo editore) abbinato al quotidiano La Sicilia.


CATANIA, 30  marzo 2017 - Il volume di Nino Milazzo «Il mio Novecento. Memorie del Secolo breve» (Domenico Sanfilippo editore) da domani abbinato al quotidiano La Sicilia. Il volume raccoglie più di cinquanta articoli, reportage e commenti scritti per La Sicilia e per il Corriere della Sera (di cui Milazzo è stato rispettivamente condirettore e vicedirettore) fra il 1963 e il 2009. Il volume permette di compiere un viaggio della memoria in un pezzo del Novecento, che coincide (ma non esclusivamente) con gli anni della guerra fredda. Attraverso i pezzi di Milazzo rivivono gli eventi, i protagonisti, le idee che hanno dominato il panorama della seconda metà del Secolo breve. Non solo politica, però, ma anche costume e curiosità di un’epoca evocando la quale si comprendono meglio i cambiamenti che, fra ieri e oggi, sono intervenuti nella vita dei popoli e delle persone. Nelle pagine di Milazzo c'è anche spazio per i sentimenti, che vibrano quando egli rivolge il pensiero e i ricordi alle figure di quattro personaggi della letteratura e del giornalismo che gli sono stati amici: Leonardo Sciascia, Enzo Biagi, Candido Cannavò e Pippo Fava. Il volume ha una introduzione di Ferruccio De Bortoli: «In tanti anni di comune militanza giornalistica - scrive tra l'altro De Bortoli - ho ammirato molto, ma non è la sola qualità ovviamente, il religioso senso del dovere, l’etica del lavoro praticata con l’esempio. Un grande giornalista non molla mai, nemmeno quando è in corta, ovvero di riposo. Una disciplina professionale, quella di Milazzo, che contrastava vistosamente con il sentimento bohémien e romantico del giornalismo del tempo. Milazzo - ricorda De Bortoli - apprezzava il coraggio e le qualità di scrittura dei colleghi ma esigeva allo stesso tempo, anche alle firme più titolate, chiarezza e precisione». (ANSA).






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno VII Copyright © 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com