Home     Scrivimi     Cercadocumenti     Chi è     Link     Login  

Cerca documenti
Cerca:
in:
     

Documenti
  » Attualità
Carte deontologiche
CASAGIT
Corte di Strasburgo
Deontologia e privacy
Dibattiti, studi e saggi
Diritto di cronaca
Dispensa telematica per l’esame di giornalista
Editoria-Web
FNSI-Giornalismo dipendente
Giornalismo-Giurisprudenza
I fatti della vita
INPGI 1 e 2
Lavoro. Leggi e contratti
Lettere
Ordine giornalisti
Premi
Recensioni
Riforma professione
Scuole di Giornalismo e Università
Sentenze
Storia
Tesi di laurea
TV-Radio
Unione europea - Professioni
  Attualità
Stampa

Previdenza. M5s: troppe ombre sulle dismissione degli immobili da parte dell'Inpgi. E' il solito schema, perdite pubbliche, profitti privati.


ROMA, 20  marzo 2017. -  "Ci sono troppe ombre intorno alla dismissione degli immobili da parte dell'Inpgi. La gestione degli asset conferiti nel Fondo 'Amendola' sembra non giovare nè ai conti in profondo rosso dell'istituto nè agli inquilini che devono decidere se acquistare o meno sotto una sorta di ricatto. L'unico che sembra guadagnarci, attraverso laute commissioni, è il gestore privato, la Investire Sgr della famiglia Nattino". Lo dicono i parlamentari M5S con i portavoce Roberta Lombardi e Sergio Puglia, membro della Commissione di vigilanza Enti gestori, nel giorno in cui scade il termine entro il quale i conduttori degli immobili dell'Istituto di previdenza dei giornalisti,  - la prima tranche messa in vendita-, devono scegliere se comprare, versando il 3% dell'importo, o rimanere affittuari. "Invece di applicare, come consuetudine, uno sconto del 30% sui valori medi dell'Omi, l'Osservatorio delle Agenzie delle entrate, la Sgr fa valere una riduzione del 26%, ma su prezzi di partenza fuori mercato - aggiungono Lombardi e Puglia - Dunque siamo di fronte a un finto sconto, cui si aggiunge il diktat per il quale chi non può comprare e vuole restare affittuario deve sottoscrivere un nuovo contratto di locazione in base ai moduli inviati negli ultimi giorni dalle agenzie immobiliari. E non è chiaro se si tratterà di canoni concordati o a libero mercato  Ma soprattutto, non potrà firmare un nuovo contratto chi ha  pendenze condominiali o contenziosi aperti con Inpgi o con il Fondo. Quindi, chi non accetta di comprare a prezzi inaccettabili, non può cercare di far valere i propri diritti attraverso la legge. E ciò accade anche agli inquilini giornalisti o dipendenti dell'istituto". "Inpgi sprofonda in un rosso che è arrivato a 121 milioni nel 2016 per la gestione principale e il Cda, guidato dalla presidente Marina Macelloni con un compenso di 230mila euro l'anno, sta via via  conferendo il patrimonio immobiliare al Fondo 'Amendola' con valori fuori mercato, che tengono fittiziamente in piedi il bilancio dell'ente. Ma la commissione intascata da Investire non è parametrata sui risultati di valorizzazione o di vendita, bensì su questo stesso valore di conferimento. Siamo al solito schema - chiudono Lombardi e Puglia - di  pubblicizzazione delle perdite e privatizzazione dei profitti. Il M5S, però, vuole vederci chiaro e chiederà conto di tutta la vicenda ai ministeri vigilanti". (ANSA).- TESTO IN http://www.movimento5stelle.it/parlamento/lavoro/2017/03/m5s-troppe-ombre-sulla-dismissione-degli-immobili-inpgi.html





 





 





 






Editore/proprietario/direttore: Francesco Abruzzo - via XXIV Maggio 1 - 20099 Sesto San Giovanni (MI) - telefono-fax 022484456 - cell. 3461454018
Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR) - Anno VII Copyright © 2003

Realizzazione ANT di Piccinno John Malcolm - antconsultant@gmail.com